Home
Benvenuto su Terra dei Ciclopi - Premio di Poesia - Acitrezza
Le poesie vincitrici della XVIII edizione

Cecilia Marchese - 1° classificato

Triade sicana

Nord

Etna.
Mont-Gebel.
Nume Fumigante di Zolfo
Nascente.
Mio Trono Azzurro tu sei di
caligante Sapienza e
Occhio in Nero.
Guida ai lapilli dai fianchi incarnati
di pietra.
Enorme Eremita
Profeta tu sei
snodo
della Via. Jirmejahû
Vecchio, vecchio Jeremiah αγια Σοφια aghia Sophia
finisce qui
l'ago
della bussola:
cavo
sogno
delle ossa.

Fossa
ai miei passi.

Conca. Tu.

Tronca.

Est

Mare. Mare. Jonio
Mare. Sole
ctonio sulle onde:
un formicolio di grano.
Io e l'onda
siamo
tutto un braccio.
Un abbraccio. Un'alga
che scintilla. Un canto.
Traccio segni
sull'arena: sono
un osso
una lingua in ombra
la lingua
primigenia. La Lingua del Lontano che
brilla. Qui
è tutto vento, vento addosso è
tutto sale sulla faccia.

Nel mare dei
Sekles
e degli Egei
riempio
la mia borraccia.

Sud

Re Symæthus. Trova
la Foce.
L'Eden è un
agrumeto. È
un'acacia un cipresso
un pino...
accanto
allarga le braccia
un melograno. Un cespuglio di acanto. Soave. Miele
sulle stele. Rosmarino.
L'acqua compie il suo corso:
è il molle
odore di
Agosto. Qui si
prega
sotto un mandarino, al
favore
di un canneto. Pungente. Un colle.
Fresco
scorre sulla pietra
- il letto -
un volto di uliveto. Siamo al
Porto. Si gode del
bosco e ci si
riposa
all'ombra
aderenti ad una Terra
feconda.
Qui si ama. Un salice si piega.
Qui si nasce
come pesci poi dolce
si segue
la corrente. Infine
ci si sposa.
Acqua lunga, acqua viva, acqua
giuliva
acqua splendente acqua di foce
vestimi tu come un'anguilla: di veli e
d'argento. Hyblaia
E balla tu il ballo antico dell'argilla, il ballo di Inanna
il ballo dei secoli... Ballo,
ballo come un canto. Ballo, ballo
seducente... un fianco oscilla,
bianco. Barbaglia la luce. Felice
Seduce lo Spirito la Terra senza
pendenze: essa, saggia,
sorveglia
i dormienti.
Quanti, quanti sono celati
creta ormai, a strati
sotto il tuo ventre agreste, madre
suadente ? sapiente
Συμαιξος
Sorrido e su te mi distendo: qui Symæthus
accolgo
il mio amante.

Gaetano Lia - 2° classiicato

Scuru

Scura la notti....scura e' la luna
scuru lu celu ca tinci lu mari
scura la vita supra li varcuna
scuru lu tempu ca li fa ffunnari

scuru lu viaggiu chinu di duluri
scuru lu scantu ca nun si po diri
scuru lu chiantu ca si fa tirruri
scura l'attisa ca nun po finiri.

Scura la sorti di tutti sti figghi
scura la vita ca cerca sarvizza
scuru lu sonnu di tanti famigghi
scuru sapiri ca nun c'è cirtizza

scura la curpa di cu lassa jri
scura la vista di cu sta a taliari
scura la ntisa di cu un vo sintiri
scura la vuci di cu un po parrari.

Scuru lu funnu.... Scuru senza luci
scuru prisaggiu di na brutta fini
scuru lu cori ca nun havi paci
scura sintenza tutti li matini

scura la notti.... Scura e' la luna
scuru lu celu ca tinci lu mari
scura la morti supra li varcuna
scuru stu munnu... ca nun vo canciari!

Salvatore D'Aprano - 3° classificato

Nuit d'amour"

 Assis sur le sable
dans le point plus isolé
de cette anse de mer,
unis par un sentiment
tendre et profond nous
nous apprêtons a contempler
le magique spectacle d'un
incomparable coucher du soleil.
Quand le prodigieux
événement aproche de la fin,
l'air est imprégnée
d'un indescriptible pathos
et s'eléve un legér souffle de vent;
je te regarde et je reste
enchanté par ta beauté
et en te serrant à moi je sens
ton corps vibrer de passion
prêt à la tendresse.
On s'échange des baisers ardents
pendant que dans le firmament
commencent à apparaitre
les premiéres étoileles et je reste
enivré par le parfum
de ta peau chaude et veloutée.
Enlacés dans l'obscurite,
loin des regards indiscrets des gens,
avec la musique de la mer
qui fait de fond sonore
pendant toute la nuit profonde
nous nous aimons passionnément
en oubliant le monde.

Santo Destasio - Premio Acitrezza

Pareva a stati, ma era ancora'n mennu

Giunoni supra a sdraiu stinnicchiata.
"Chi fai?" "Mi pigghiu u suli nun si viri?"
" Ma semu 'n mennu,tra 'n pocu po' chiuviri
s'abbia u ventu e fa na rannuliata.
"Accuntu sugnu ccà, m'abbronzu a faccia.
Minevva mi rissi ca fra 'n pocu veni,
e Vennera, accumpagnata dde Sireni,
arriva, nsemula a Diana,doppu a caccia.
Apprufittamu di sta bella iunnata
pi stari 'n pocu 'n semi a cuttigghiari
cca nta l' Olimpu non c'è nenti i fari."
"Allura, picchì non faciti na sfilata"?
Marti, ogni tantu a testa t'arraggiuna.
Ora ciù ricu a l'autri fimmineddi,
e cu chiddi ca si sentunu chiù beddi
sfilamu supra a 'n palcu, a una a una.
Sirata bella, a festa è all'apettu.
Giunini è vistuta cu ' n caffitanu iancu
lognu tri quatti e apettu sinu o ciancu,
na scollatura ca lassa fora u pettu.
Diana cu na camisedda apetta,
di velu, trasparenti,a minigonna
di peddi i dainu, quanto 'n pammu logna,
mutanni gialli, di rasu, ca francetta.
Minevva che calosci di vinnici,
pantaluncini di villutu, ciurati,
di supra nenti. I minni cummigghiati
de so capiddi, niuri comu a pici.
Vennera, capiddi d'oru, na muntagna,
vistuta di sciffoni celestinu,
i mutandini rosa ciclaminu,
senu pirfettu, du coppi di sciampagna.
Erunu tutti pronti a accuminciari,
Paridi presidenti di giuria.
"Fremmi" fa Giovi, "ascutati a mia,
Aristofonte, o itulu a chiamari."
"Chiddru de quadri? Picchì c'avissi a fari?"
"Staiu pinsannu a na scinugrafia.
C'è tutta sta biddizza attonnu a tia
senza cuntonrnu a voi fari sfilari?"
Aristofonte che tempiri è capaci.
Tuttu di azzurru vosi acculurari.
Na linia niura. "U sutta u chiamu Mari,
e a patti supra Celu.Vi piaci?"
"Beddu,ma ci vulissi muvimentu."
Mercuriu si leva i so scappi di peddi,
ci scippa l'ali e i bia. "Chisti su aceddi.
Ora saccoppiunu e ni fanu centu."
" E sutta, 'n ta patti ca chiamamu mari?"
"Ora u incu cu na maniata i pisci"
rispunni Apelle, ca ntaggia cutulisci,
"e Giovi, ca magia, i fa annatari.
'N pocu di scogghi a fomma di Pitrazzi,
evva di mari e ciuri a tutti i gnuni,
tri massi logni, i ricemu Faragghiuni,
u mari i gnaca, quannu arriva a spruzzi.
Di latu, pi risistiri a marea,
'n massu a fomma di manu cu du ita,
chinu di ciuri e cu na Zazzamita.
Ramici 'n omu, Isola Lachea.
'N terra, facemu na bedda ranni chiazza,
tutta a inchemu di campani e cruci,
profumu di viscotta e cosa ruci
e chiamamu Chiazzetta San Giuanni."
"Pi fari lustru cannili ci nni vonu."
" Non c'è bisognu, ci nna abbasta una.
Na badda alluminata, a chiamu Luna."
Tunau Giovi, susennisi do tronu.
Tuttu l'Olimpu arristau 'n cantatu
di la magnificenza e da biddizza.
" Iu cunsigghiassi di chiamalla Trizza".
E ancora cu stu nomu è numinatu.
Attonnu lampi e trona, stà chiuvennu.
Ccà, 'n meci, na billissima sirata.
"Quannu a facemu n'autra sfilata?"
Pareva a stati, ma era ancora 'n mennu

Giovanni Rizza - Premio Trinacria "Santo Trovato"

Tempu di na vota

Penzu o passatu tempu di na vota
quann'era u vicinu 'menzu parenti
ora n'esisti chiù girau la rota
la genti è fridda e fa l'innifferenti

Lu bisugnusu non ci po spirari
lu cumpatu cu la fami a pruvatu
ca a vistu da miseria li scinati
du doppuverra u soffriri fu datu

'N pinzeri nda la menti veni o spissu
di la genti 'i tannu u vuliri beni
e lu caluri umanu ch'era u stissu
cuntenti di luvari i nostri peni.

A cu pasta e pani non ci n' aveva
di lu so' vicinatu era sfamata
di fami soffriri nuddu vuleva
da povira famigghia già affamata.

A li famigghi si dava u cunfortu
a cu lo so' cori l'aveva a luttu
di lu patri e maritu 'a verra mortu
si dava e picciriddi 'n pocu 'i tuttu

du tempu di na voca cià rriflettu
di quantu s'amava na suffirenza
la genti u cori d'oru aveva 'm'pettu
di l'aiutu non s'aristava senza

È amaru ppi mia stu scrittu cummentu
e n'arrestu afflittu e scunzulatu
di l'umanità vidu u mutamentu
a cu soffri ni veni iddu scurdatu.