Home
Benvenuto su Terra dei Ciclopi - Premio di Poesia - Acitrezza
Bando Premio di poesia 2017

BANDO DEL PREMIO DI POESIA

"ACITREZZA, TERRA DEI CICLOPI"

PREMIAZIONE XVIII Edizione – Anno 2017

21 OTTOBRE 2017 – ACITREZZA

PER PARTECIPARE 

Scarica il bando DOC - PDF
 
Le poesie vincitrici della XVII edizione

Dario Pepe - 1 classificato

Notte a Kobane

Tempo senza storia
tempo leggenda eppur cosi reale
doloroso gigante decapitato
affacciato
sul viale maciullato
dalle bombe
solcato
dal sibilo della mitragliatrice
che ogni notte dà il la
all'orchestra della morte
intona il canto pericoloso
l'andante fatale
trafigge il manto soffice del cielo
sussurra nell'orecchio
di chi non sa dormire
ad uno
ad uno
i mille perché dell'angoscia
i centomila si della vita
laggiù
nell'ombra
dove vagano ancora
eterni custodi
i sogni
nella città livida e stordita
a ricercare l'onda del Divino
a cancellare l'odio dell'umano.

Francesco Rizza - 2 classificato

Bacio di lava

Il vento è nudo,l'aurora non finge,
mostra di te, soltanto di te,
sembianza nuda di un bacio di lava
che sale dagli occhi dei mari.

Dentro i tuoi occhi dormono velieri,
poemi del mare
che smagliano le reti del silenzio,
bocche di fuoco della tua montagna sodale
che sputano succo vermiglio e ti fanno luce.

La tua sabbia nera è palcoscenico
dell'Etna e i suoi castagni sognanti,
dei tuffi lenti del sole
e di barche abitate dalla luna

La felicità dei tuoi spazi
è distesa d'estate
che rinvigorisce le menti stanche
da città senza fiato e mare
e da salti bruschi dell'inverno.

Modellate da Dio e dal vento
le tue rocce nere e seducenti
e doloranti,intravedono un altrove,

specchi di mare che piangono vite,
di una Provvidenza che torna a naufragare
migranti bagnati di sale,
galleggiare come buie ghirlande
in notti svegliate da risacche e temporali.

Ma accade anche,
che da un angolo provvisorio della sera
davanti al sorriso leggero dei faraglioni,
si soffermano rapidi,
per la magia di un primo bacio,

due cuori e due solitudini,

a tracciare armonie di tiepidi respiri
arditamente fotografati
dal canto felice di pescatori.


Giusi Sapienza Jouven - 3 classificata

Sulle sponde di Trezza

Nel turchino
in cui affondano
leggendari faraglioni
un navigante sapevo
spinto dall'avventura
avrebbe veleggiato
verso le nere
sponde trezzote

Da lontano
ho visto la tua barca
sui picchi blu
del mare aperto
e le vele cilestrine
come ali che
ti portavano
alla mia isola

A lungo
ho spazzolato i miei capelli
Ulisse biondo
prima del tuo approdo
e dopo tenendoti la mano
ho guidato i tuoi passi
nel noto labirinto
dei luoghi amati

Stelle
dicevi dei miei occhi
e perle del mio sorriso
ma il parlare
usato con ninfe e maghe
a me non si addiceva
non un incantatore astuto
io volevo né un eroe

ma solo un uomo
che infine si è affacciato muto
nel tuo sguardo azzurro
e io ti ho amato


Valeria Salvo - Premio Acitrezza

Dda carusa di scarpuzzi nu fallaru

Scarpuzzi nicareddi
dintra na sacchitedda di un fallaru,
crivu e pignati a muru
sciallu di lana e cuasetti sarbati.
Di un tempu luntanu sciauranu ddi casciuna chiusi,
ora arrizzulati.
Na matassa e du gugli ngapu na cascia
e u tularu ancora novu:
aviva sett'anni e arraccamari sapiva.
Chi bedda infanzia,chidda di na vota,
n'mezzu li strati cu li pupi e li palluna,
a mmucciarè urati e urati.
Passa lu tempu e ora mi nn'addugnu
quannu nnavanzi lu specchiu
un c'è cchiu' dda piccilidda cu dda facci di rosa
ma na fimmina granni di sett'antanni
ca si vota li spaddi
e vidi tutta la so vita.
Ogni cosa di sta casa mi lassa un mazzamareddu,
mi scoti dintra centu arbuli
ma po torna u suli,anchi si na nevula si fa n'milli lacrimi.
Na facci di cira,vidu, ca si sta sciugliennu,
capiddi tingiuti,na vucca ca mi sta spirennu
ma st'occhi su sempri li stessi,
occhi di carusa arristaru.
Occhi ca canusceru l'amuri veru.
Nni portu cristiani cca dintra,
mi vasta taliari un purticatu,
sciaurari na buttiglia di vinu,
na burnia di sardi salati
e nnarrè turnari,almenu,di sessant'anni.
Mi taliu li pedi,un su cchiu li scarpuzzi dintra lu fallaru
li chiamunu shoes,hannu na petra ngapu e mezzu taccu,
di coriu bonu sunnu,sempri allustrati.
Na spilla a cammeu portu na cammisa di rasu,
lu pettu cadutu
e li mani ngioiellati.
Passà veru na vita sana
e nenti vogliu cangiari di sta casa
picchi' ogni vota ca ci vegnu
dda carusa di scarpuzzi nu fallaru
vogliu turnari.


Giovanni Rizza – Menzione speciale giuria

Acitrizza rigina

Di lu mari, Acitrizza, si rigina,
l'azzolu sò di tia non s'alluntana,
t'ama e ti vasa di sira e matina
e sì preja di quantu si baggiana.

Sta maravigghia Diu la sappi fari,
l'Unniputenti ti desi biddizza,
e pi signali a l'omu vosi dari,
di lu criatu la megghiu fattizza.

Di lu joniu tu si la perla fina
la gioia a cu ti visita ci acchiana,
e quannu si nni v'à resta la spina...
e lu so cori cchiù non si risana.

Di tia n' arresta troppu 'nnamuratu,
ca non c'è bedda comu si tu,
e cù 'na vota veni a lu tò latu
di lu so cori non ti sciogghi cchiù!

Di lu mari joniu si la so sirena,
si amica di lu suli e di la luna,
li figghi tò ti fannu la nuvena,
Acitrizza do mari si patruna.

Cù non ti vidi cchiù ni prova pena,
e lu pinzeri so non t'abbannuna,
li faragghiuni tò fannu di scena,
di Acitrizza diu ni fici una.


Francesca Privitera – Premio Trinacria

Colapisci

Lu fattu ca staju pi cuntari

Parra di Cola figghiu di piscaturi

Giuvini forti di beddi fattizzi

ricunusciutu pi li so prudizzi

La genti lu chiamama Colapisci

pirchì viveva a mari comu n'pisci

ammaliava li ninfi e li sireni

tra terra e mari... faceva va e veni

Passava la so vita n'mezzu a l'unni

a circari li ricchizzi cchiù prufunni

ca poi mustrava, cu granni abilità

a lu populu e a lu so Maistà

Era vulutu beni Colapisci

ma la storia ancora non finisci...

Na vota, mentri stata a scandagghiari

tra li pussenti pilastri n'funnu u mari

la curuna di lu Re so Maistà

facennu avanti arreri... ca e ddà...

vitti la culonna chiu pristanti

ca riggeva lu regnu suprastanti

sprufunnari sutti li ruvini

- di la Sicilia (pinsò) sarà la fini!

- Angustiatu, vidennu lu gran dannu,

mentri lu regnu jeva sprufunnannu

na sula cosa ci vinni ppila menti

comu salvari la terra e la so genti

Pi lu curaggiu la storia va cuntata...

si narra ca trattinni la ciancata

riggennu a gran forza ccu la spadda

tuttu lu pisu di la Sicilia bedda

E sustinennu lu pilastru traballanti

salvò lu Re, lu Regnu e l'abitanti

Sarà liggenna, sarà mitologia...

Saracusà sarà sulu fantasia

Ma ogni tantu, qualcunu parra e dici

ca di notti, quannu c'è silinzio e paci

si senti n'luntananza la so vuci

'm'pricari forti, poi s'arrivota e taci

Chista è la storia di lu beddu Colapisci

ca viveva n'funnu u mari comu n'pisci

ancora oggi, tutti i notti e tutti i jorna

e fermu dda... ca surreggi la culonna!


Gaetano Lia – Menzione speciale giuria

Stori di varchi...

Stori di varchi... partùti di lu 'nfèrnu
terri strazzàti di l'odiu di la guerra
figghi scurdàti dannàti pi l'eterno
jttàti a mari luntanu d'ogni terra.

Stori di varchi... pirdùti 'nta lu mari
chini di figghi vagnàti di dulùri
famìgghi persi e stanchi di scappàri
cu l'occhi chini di scantu e di tirrùri.

Stori di varchi... ca vìrunu spiranza
e pi lu mari va' cèrcunu sarvìzza
matri cu figghi ancòra 'nti la panza
ca pi la vita dummànnunu cirtìzza.

Stori di varchi... affunnàti pi lu minnu
tombi scavàti tra l'ondi di lu mari
matri abbrazzàti a li figghi 'nti lu funnu
ca nuddu mai li po' jri a truvàri.

Stori di varchi... ca pòrtunu la morti
animi persi vinùti di lu 'nfernu
figghi scurdàti e senza nudda sorti
sulu l'amuri di lu Patreternu!


Salvatore D'Aprano - Menzione speciale per la miglior poesia in lingua straniera

Décadence

Tel un moderne Icare
je voltige parmi les nuages
dans l'immense voûte cèleste.
Le pouvoir magique
de la "poudre blanche"
peu à peu s'évapore
et à l'euphorie de la montée
succède un état
de profonde hédetude.
Giflé par la réalité
je m'éveille de la torpeur
et avec des ailes alourdies
je redescends vers le fond,
comme l'eau dans la clepsydre,
et inexorable s'engouffre
ma vie si aride.
Je languis désormais
dans la fange de l'abîme
sans acun espoir d'émerger.
Je n'ai plus la force,
ni le courage de contenir les eaux
tumultueuses de ma décadence.
Je sens trés proche
l'here de mon agonie.
Et je me congédie du monde
avec des regrets mais sans rancune
comme les amants qui se quittent
dans une nuit sans lune.